Arma Benemerita, un anno di lavoro

L’arma dei Carabineri ha compiuto il 198esimo anno dalla sua fondazione avvenuta nel 1814, la celebrazione ha avuto come cornice, nella nostra regione, l’Auditorium della Regione a Udine.”Grazie al presidente della Regione per averci concesso questoanfiteatro, magica cornice alla nostra semplice cerimonia”, ha ringraziato il comandante della Legione, gen. Luciano Zubani,salutando le autorità civili e militari, gli esponenti della magistratura, della Croce Rossa, i rappresentanti delle chiese e
alle associazioni combattentistiche e d’arma presenti in sala.
La cerimonia svoltasi ieri alla presenza del Presidente Tondo è stata l’occasione per fare anche il bilancio dell’attività dell’arma; è stata posta particolare attenzione ai servizi “di prossimità” (8.575 nel 2011) a garanzia dellasicurezza pubblica sul territorio. Un ruolo, questo, che viene riconosciuto dai cittadini ai circa duemila militari in forza in regione, visto che nel 2011 più del 70% dei reati è stato denunciato proprio ai comandi dei Carabinieri. Per i 5052 reati scoperti sono state denunciate 7.742 persone, con un incremento del 3 per cento circa. Nel settore antidroga sono state arrestate 186 persone e sequestrati 50 chili di stupefacente. Sono aumentati considerevolmente gli interventi per episodi di stalking (80). Fitta anche l’attività di controllo dei reparti speciali nei settori della tutela della salute pubblica (144 denunce, 377 sanzioni penali, 628 amministrative per 2.091 ispezioni del NAS-Nucleo Carabinieri antisofisticazione); dell’ambiente (84 ispezioni, 82 denunce, 11 sanzioni, sequestro di beni per 4mila euro da parte dei NOE-Nucleo operativo ecologico); del patrimonio culturale (1 denuncia e 4.930 reperti archeologici recuperati dal NTPC-Nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia in Friuli Venezia Giulia); della sicurezza negli ambienti di lavoro (416 ispezioni, 5 arresti e 38 persone deferite all’autorità giudiziaria dai NIL-Nuclei ispettorato lavoro).

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *