«Arginare i migranti»

«È assolutamente necessario porre un argine a un flusso incontrollato di migranti che pesa sulle città della nostra regione». Parola di Debora Serracchiani, presidente della Regione, intervenuta davanti alla platea di studenti di un istituto tecnico. «Gli appelli di alcuni sindaci non vanno sottovalutati, sia quando lanciano un allarme per l’eccessiva pressione cui sono sottoposti i loro comuni» ha aggiunto la presidente, «sia quando chiedono che si applichi un principio di solidarietà da parte di tutti i comuni del territorio, in modo da realizzare un’accoglienza realmente diffusa». Il riferimento a Gorizia e all’Isontino pare scontato, così come la puntualità dell’intervento della presidente dopo la rinnovata denuncia della presenza di baracche più o meno improvvisate sulle sponde dell’Isonzo, località Campagnuzza. Emergenza sulla quale ha tuonato nuovamente anche il sindaco Romoli. «Finalmente sembra che la forestale intervenga» ha detto, «come promesso a suo tempo dalla Regione, proprietaria del terreno, e inizi i perlustramenti a partire da domani (oggi, ndr). Si tratta di richiedenti già ospitati in strutture convenzionate, il problema continuerà a ripresentarsi all’infinito finché si continuerà a ospitare gente che non scappa dalle guerre bensì dalla Germania, dall’Austria e da qualche altro paese europeo, infatti presenta queste caratteristiche oltre il 70 percento di chi viene ospitato in città ed è ipocrita fingere di non saperlo. Arrivano da noi perché non trovano risposte positive negli altri stati europei, dovrebbero essere fermati alla frontiera e, per questo, voglio ricordare, erano state attivate le pattuglie miste italo-austriache che avrebbero dovuto controllare treni e stazioni. Mi chiedo quali risultati abbiano ottenuto fino ad oggi, visto che i flussi di migranti continuano ad arrivare senza interruzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "«Arginare i migranti»"

  1. Bell’autogol di Debora Serracchiani che così non solo dimostra la sua fallimentare politica ma incorona pure il prossimo sindaco del centro-destra di Gorizia il cui ritornello in campagna elettorale è proprio quello di fermare l’immigrazione irregolare! Come se questo fosse il vero problema di Gorizia e come se il sindaco ne avesse davvero facoltà. Non c’è proprio freno alla demagogia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *