Ancora tir contromano

Se in quel tratto “maledetto” di via Terza Armata di incidenti gravi non ne sono ancora capitati, di mezzo c’è sicuramente la fortuna. Parliamo, per amor di precisione, di via Stuparich, la strada a senso unico nella quale confluiscono i veicoli che da via Trieste vogliono immettersi in via Terza Armata. Parliamo sia dei veicoli che arrivano all’incrocio dopo aver percorso via Trieste, sia quelli che vi arrivano dopo essere usciti dalla rotatoria di Sant’Andrea e hanno attraversato il viadotto. A questi, troppo spesso, si aggiungono i mezzi pesanti che però imboccano la strada nel senso sbagliato. La maggior parte delle volte l’imprevisto capita quando i mezzi, uscendo dai parcheggi delle attività commerciali di via Terza Armata, non svoltano come indicato dalla segnaletica a sinistra, ma si dirigono nella direzione opposta nel tentativo di raggiungere la rotonda di Sant’Andrea e immettersi da lì nella A34, la Gorizia-Villesse, oppure nell’autostrada slovena. I casi in cui i mezzi pesanti sbagliano senso di marcia danno l’impressione, stando almeno alle segnalazioni che i cittadini affidano ai social network, di essere sempre più numerose. L’ultimo caso è stato immortalato dalla titolare di una attività della via, che ha “pizzicato” un tir contromano mentre stava cercando di imboccare il curvone che porta all’incrocio con via Trieste. «Quella strada è un far west» si legge tra i commenti di altri goriziani, «l’altro giorno due tipe nel giro di 5 minuti entrambe contromano!», e ancora «basta ripristinare la viabilità come una volta, no?». Opinioni e domande più che legittime, alle quali ha tentato di dare una risposta l’assessore comunale alla mobilità urbana, Stefano Ceretta. «È innegabile che la situazione in via Terza Armata sia pericolosa» ha ammesso l’assessore, «ma dobbiamo riconoscere che chi si mette al volante è sempre più bombardato da continue distrazioni. In quella zona avevamo già messo in campo alcuni accorgimenti (fu potenziata la segnaletica, n.d.r.) ma evidentemente non bastano. L’ufficio del traffico sta analizzando la situazione e presto presenterà le sue proposte». Tra le ipotesi quella di un ulteriore rafforzamento della segnaletica stradale sembra ottenere il benestare da parte dell’assessore, che invece avrebbe già scartato la possibilità di installare telecamere per monitorare il traffico, poiché «inutili a fermare i veicoli contromano». Nel frattempo è sempre più unanime il coro di cittadini e automobilisti che chiedono a gran voce una modifica radicale della viabilità di ingresso e uscita dalla parte bassa di via Terza Armata. «Non escludiamo di rivedere la circolazione» annuncia Ceretta, «riaprendo l’ultimo tratto di via Terza Armata e via Stuparich al doppio senso di marcia. È un’ipotesi che avevamo valutato già tempo fa e che non intendiamo scartare. La nostra priorità rimane sempre quella di mettere in sicurezza la strada adottando le soluzioni più efficaci e veloci tra quelle che attendiamo dall’ufficio del traffico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *