Ancora Romoli per il PDL, a sinistra primarie all’orizzonte

Cinque anni fa si pensava che l’età l’avrebbe fermato, che il centrodestra goriziano avrebbe cresciuto e proposto per l’aprile 2012 un nuovo candidato. Ora, a meno di un anno dall’appuntamento elettorale, lo scenario sembra completamente rovesciato.
Dal summit regionale del Popolo della Libertà di pochi giorni fa, Ettore Romoli è uscito con una certezza: se vorrà, il candidato a Gorizia sarà ancora lui. Se vorrà, è questo il problema. Perché lui sembrava non voler ricandidarsi, rischiando di vincere e di sedere in consiglio comunale fino all’età di 79 anni.

TUTTO PRONTO PER IL ROMOLI-BIS. A sinistra: 2007, Ettore Romoli appena appresa la notizia della vittoria alle elezioni comunali. A destra: 2011, Ettore Romoli ad un recente incontro con il sindaco di Nova Gorica, Matej Arčon.
Ma la situazione, nel PDL, è più delicata di quattro anni fa. E, seppure i risultati delle ultime elezioni provinciali sembrano dire tutto dicendo in realtà pochissimo, a Gorizia si teme che un candidato “debole” non riesca a reggere il confronto con un centrosinistra sì impreparato, ma che viaggia a vele spiegate dall’entusiastico vento nato tra Milano, Napoli e referendum. Un centrosinistra che quattro anni fa era a terra – diviso all’interno quanto tra i suoi elettori – permise ad Andrea Bellavite, candidato per la lista civica Forum per Gorizia, di scalzare il candidato dell’Ulivo, Giulio Mosetti, incarnando, sia in campagna elettorale che poi in aula di consiglio, l’unica opposizione, più volte costruttiva e non demolitrice, alla giunta Romoli. Un centrosinistra che all’appuntamento elettorale del prossimo anno si avvicinerà dapprima con le primarie. I nomi sono ignoti, ma le riconoscenze a chi, in questi anni di opposizione, ha lavorato non dovrebbero mancare. Federico Portelli, capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale, Giuseppe Cingolani, segretario comunale del Partito Democratico, Anna Di Gianatonio, consigliere comunale FpG ed Andrea Bellavite (che prevede anche per il 2012 la possibilità di correre in maniera autonoma con una sua lista civica) sono di certo, per il momento, alcuni dei nomi più favoriti. Nuovi volti o illustri cambi di bandiera permettendo.
Alla fine, per il centrodestra, con tutta probabilità il candidato sindaco sarà ancora Ettore Romoli. Un sondaggista non darebbe percentuali inferiori al 90%. Una vittoria a Gorizia sarebbe troppo importante in ottica regionale per correre dei rischi. Soprattutto se il prossimo anno, oltre alle schede per le elezioni comunali e (forse) per quelle circoscrizionali, gli elettori troveranno anche quelle per la Camera ed il Senato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *