Anche a spasso per Gusti

Dopo aver timbrato il cartellino, uscivano da una porta secondaria per andare a fare shopping o la spesa, per fare una tappa al bar o in qualche agriturismo, o addirittura per farsi un giro tra gli stand di Gusti di frontiera. Questi i dettagli emersi dopo gli otto mesi di indagini, da aprile a dicembre dello scorso anno, condotte dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Gorizia che ieri sono entrati in azione nelle due sedi della Regione nella nostra città, in via Roma e corso Italia (l’ex sede della Provincia), per eseguire i provvedimenti cautelari di interdizione assoluta per otto mesi dall’esercizio dei pubblici uffici a carico di 6 dipendenti regionali. «Nello specifico» spiegano i militari dell’Arma in una nota, «le numerose attività di pedinamento e le riprese video hanno consentito agli investigatori di documentare la condotta illecita degli indagati, che, dopo aver obliterato il proprio cartellino, invece di recarsi e permanere sul posto di lavoro, si allontanavano, chi per fare shopping e spesa, uscendo dagli uffici da una porta secondaria, chi per recarsi al bar o presso agriturismi a degustare vino e chi, espatriando, per raggiungere ristoranti e centri commerciali della vicina Slovenia e, addirittura, chi per recarsi a tentare la fortuna presso centri scommesse, utilizzando in alcuni casi anche l’autovettura di servizio. Non mancava nemmeno chi timbrava il cartellino per sé e per il collega di turno e nemmeno chi abbandonava l’ufficio a metà giornata senza registrare nulla per recarsi presso la propria abitazione e poi rientrare direttamente il tardo pomeriggio, solo per timbrare ufficialmente l’uscita. Da evidenziare inoltre il caso di un dipendente che, durante “Gusti di frontiera” veniva ripreso, dopo aver timbrato il cartellino, a fare tappa presso gran parte degli stand». Il danno patrimoniale, in via di quantificazione, dovrebbe aggirarsi intorno ad alcune migliaia di euro. I reati contestati sono quelli di truffa ai danni della Regione e false attestazioni di presenza. A tre dei sei dipendenti è stato contestato anche il reato di peculato per l’uso improprio dell’auto di servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Anche a spasso per Gusti"

  1. Sanzioni e risarc, indag mirata della pianta org, ruoli o profili profess, sviluppo carriere e calcolo della produtt del settore x evidenti esuberi camuffati, verif progetti obiett, distacchi e perm sindacali…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *