Alpe Adria, trionfa Bergamo

Il quintetto della SBS Bergamo ha fatto suo il 17esimo torneo internazionale Alpe Adria di pallacanestro in carrozzina. Organizzato dalla Polisportiva Nordest di Gradisca d’Isonzo, il toreo è una delle migliori occasioni per entrare in contatto con, come l’abbiamo già definita nei giorni scorsi, la faccia pulita dello sport.
Una due giorni di basket paralimpico, è proprio il caso di dirlo, grazie alla presenza in campo dei due azzurri Damiano Airoldi e Fabio Bernardis, che hanno partecipato ai recenti Giochi Paralimpici di Londra, senza purtroppo riuscire a superare la prima fase.
E proprio lo spirito paralimpico, basato sui cardini della competizione sana e del gioco corretto, l’ha fatta da padrone nei due giorni di gare. Il premio fair play è andato ai cechi dell’Hobbit Brno, che hanno chiuso il torneo in quarta posizione, dietro al DP Lubiana e ai padroni di casa del Castelvecchio Gradisca.
Un’ottima lezione di spirito sportivo, in sostanza, a cui la nostra regione non è però nuova. A dimostrarlo, ad esempio, l’affetto che Gemona dimostra giornalmente al velocista sudafricano Oscar Pistorius, che da anni vive e si allena in Carnia, e quello di Pordenone per Pamela Pezzutto, campionessa di tennis tavolo.
Le più belle e sincere dimostrazioni di quanto il Friuli Venezia Giulia tenga ai valori di cui questi atleti, in campo e nella vita, sono fieri rappresentanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *