All’asta le quote della Provincia

Sul fronte dell’aeroporto “Duca d’Aosta”, nel frattempo, si sta per giocare la partita delle quote. In particolare a essere coinvolta sarà la partecipazione azionaria detenuta della ormai ex Provincia di Gorizia nella società consortile “Aeroporto Amedeo Duca d’Aosta”, pari al 3,56 percento, che rientra nel piano di dismissione dei beni dell’ente. Nel dettaglio, si tratta di 190 azioni per un prezzo a base d’asta di 10.161,02 euro, a fronte di un capitale sociale dichiarato di 266.650 euro. La cessione delle quote, secondo il crono-programma stabilito nel disciplinare di gara, si dovrebbe concludere entro la metà di aprile. Le buste che conterranno le eventuali offerte dovranno essere consegnate all’ufficio protocollo della Provincia entro le 12 di giovedì 13 aprile, mentre la gara si svolgerà in seduta pubblica alle 10 del giorno successivo, venerdì 14, nella sala giunta della sede di corso Italia. Oltre alla provincia di Gorizia, la costellazione della società consortile che ha preso in mano la cloche dell’aeroporto è formata dal comune di Gorizia, socio di maggioranza con il 52,3 percento delle quote, il Comune di Savogna con il 22 percento, Trieste Airport con il 14 percento e la camera di commercio Venezia Giulia con l’8,2 percento. Ma se non dovesse arrivare nessuna offerta? Ancora nebbia intorno a questa eventualità, che al momento non permette di capire se esisterà la possibilità di una seconda gara oppure quella del passaggio d’ufficio delle quote alla Regione. La provincia di Gorizia vantava la partecipazione anche in Autovie Venete per 190.192 euro, Banca Popolare Etica, Collio Service, consorzio Isontina Sviluppo, Apt, Saf, Ucit e nel gruppo di azione locale Carso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *