Aiuti per il Kosovo

Due camion sono partiti dalla sede della Protezione civile di Gorizia alla volta del Kosovo. A bordo decine di banchi e sedie di scuola, cattedre e 24 scatoloni di vestiti seminuovi per bambini. Il materiale, frutto della raccolta curata dall’International police association con l’intermediazione della onlus Regina Elena, è salpata dal porto di Ancora e una volta in Kosovo sarà distribuito dai militari in servizio alla base Nato Kfor. Alla cerimonia di consegna erano presenti anche il sindaco, Rodolfo Ziberna, che ha elogiato l’iniziativa, l’ex assessore Francesco Del Sordi, il presidente dell’Ipa di Gorizia Camillo Belli, il vicepresidente nazionale Gaetano Casella, il comandante della Polizia locale, Marco Muzzatti, il coordinatore della squadra di Protezione civile, Luciano Marconato ed il funzionario Salvatore Gambitta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Aiuti per il Kosovo"

  1. Io sono un kosovaro di Peje sono contento che aiutate queste popullo perché ha bisogna. Io vivo a Rimini in Italia da 13 Ani sono stato sempre regolare e continuero a eseci ho la famiglia 3 figli pago le tasse da sempre ma quando vedo che succedono queste cose belle non mi pento per le tasse che pago perché Italia ha fatto molto per il nostro popollo grazie a tutti

  2. Va bene l’iniziativa benefica. Occorre tuttavia, a mio avviso, che il Kosovo trovi nuove vie di dialogo con la Serbia di Vucic, affinche’ cessino di rullare gli ormai anacronistici tamburi di guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *