A Gorizia nuove speranze per il basket

A tutto gas per il rilancio della pallacanestro nella città di Gorizia. La sala conferenze della Fondazione Coronini Cronberg ha ospitato la conferenza di presentazione della partnership che lega l’Ardita e Isogas fino al 2014. La società di vendita del gas e dell’energia elettrica nella provincia isontina ha deciso di sposare il progetto, tanto ambizioso quanto sostenibile, promosso dalla dirigenza biancoblù per riportare il capoluogo nelle categorie Nazionali di basket e ricreare l’antico clima d’entusiasmo attorno al mondo della palla a spicchi. L’accordo fra Ardita e Isogas ha durata triennale, con l’opzione aperta per un eventuale quarto anno: nella stagione in corso Isogas sarà co-sponsor a fianco di Gianesini – fedele sponsor biancoblù da ben undici anni – mentre nel 2012/13 e 2013/14 sarà main sponsor della prima squadra e di una formazione giovanile, e il suo logo campeggerà su tutte le divise ufficiali della società.

“E’ un evento importante per Gorizia – ha esordito il massimo dirigente dell’Ardita Diego Falzari – e parlo più da cittadino che da presidente. In un momento difficile per l’economia, questa sponsorizzazione ci regala ottimismo per un futuro roseo. Un grazie particolare va al sindaco Ettore Romoli per essersi speso a favore di questo accordo: sono stati mesi frenetici, oggi festeggiamo un traguardo che al tempo stesso è un punto di partenza per lo sviluppo del progetto”.

Il primo cittadino goriziano ha ricordato la genesi dell’accordo: “Era il novembre 2010, si presentava l’Ardita che stava per affrontare il campionato. Dissi che c’erano delle possibilità per trovare nuovi investitori e registrai un certo scetticismo. Ora invece siamo qua ad aprire una fase nuova dello sport goriziano, cercando di colmare una lacuna, ovvero la mancanza di una squadra di vertice di cui tutta la città possa sentirsi orgogliosa. Lo facciamo celebrando l’abbinamento fra due società serie”. Ricordata anche la sempre più vicina riapertura del palaBigot (“lo rivogliamo pieno”), l’imminente intitolazione del palaConi a Pino Brumatti (sabato alle 11.30), struttura per il quale sono stati dimezzati i costi di utilizzo (“ringraziamo l’assessore Cosma, è quasi un’altra sponsorizzazione” ha affermato Falzari).

Livio Marziani, amministratore delegato di Isogas – azienda che serve 53mila utenti fra civili e industriali – ha riassunto con quattro parole chiave la scelta di abbinare il marchio a quello dell’Ardita: “Qui a Gorizia il basket evoca concetti di tradizione, entusiasmo, identità ed energia per risultati d’eccellenza. Vogliamo che Gorizia e Isogas crescano assieme”.

Chiusura affidata ancora a Diego Falzari per l’illustrazione di alcuni punti fondanti del progetto: formare un pool di aziende che affianchino gli investitori già esistenti, rilanciare l’immagine tramite i media, proporsi come punto di riferimento del basket nell’isontino, proseguire nel lavoro di crescita dei giovani (3 ragazzi convocati in Azzurro in 4 anni), riportare la gente al palazzetto.

All’happening hanno preso parte la prima squadra, i tecnici delle giovanili e alcuni testimonial del grande basket cittadino: Nereo Gregorat, Moreno Sfiligoi e Michele Mian. Nomi di un grande passato, sognando un glorioso futuro.

Ufficio stampa GIANESINI ARDITA GORIZIA – Giuseppe Pisano

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *