56 bis, l’attesa è finita

Ancora un mese di pazienza prima dell’inizio dei lavori che, dopo decenni di attesa, devieranno il traffico pesante dal centro abitato di Lucinico. È stato infatti siglato il contratto tra il Comune di Gorizia e la ditta vincitrice dell’appalto pubblicato lo scorso febbraio per la realizzazione della 56 bis, la bretella che collegherà la zona industriale di Gorizia a Mossa, bypassando la frazione goriziana e dando finalmente un po’ di respiro al traffico e ai residenti, che non hanno mai smesso di lamentare una situazione che, soprattutto negli ultimi anni, era divenuta insostenibile. Ad occuparsi dei lavori sarà una ditta di Tolmezzo, che ha battuto la concorrenza di altre 218 ditte partecipanti, e che dovrebbe avviare il cantiere già entro la prima metà di dicembre. Complessivamente, i lavori richiederanno un investimento di 3 milioni e 367 mila euro, contro gli oltre 4 milioni e 300 mila che hanno rappresentato la base d’asta per la gara pubblica. A questi, per il Comune, dovranno essere sommate le spese per gli espropri. La bretella dovrebbe essere terminata entro la primavera del 2017, e collegare la zona industriale di Sant’Andrea alle regionale 56 all’altezza della nuova rotatoria di Mossa. Altre due rotatorie saranno poi realizzate lungo i 1600 metri della 56 bis, assieme a un sottopassaggio e un sovrappasso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *