36 “angeli” per Gusti

Giovani in campo per Gusti. Vogliono dare il proprio apporto concreto alla riuscita della manifestazione, accogliendo i visitatori e indirizzandoli ai vari Borghi. Sono i volontari coordinati dal Punto giovani, presenza fissa e sicura delle ultime edizioni di Gusti di frontiera. Il piccolo esercito di volenterosi sarà operativo anche quest’anno, da giovedì 21 a domenica 24, quando Gorizia ospiterà oltre 350 stand di 44 Paesi e decine e decine di eventi per la più grande manifestazione enogastronomica del Triveneto. Per l’esattezza i volontari saranno 36, di cui 20 che hanno risposto all’apposito bando diramato dal Comune e 16 studenti del progetto di alternanza scuola-lavoro (13 del polo liceale e 3 del D’Annunzio), a cui si aggiungono quattro tirocinanti dell’Università di Udine dei corsi di Relazioni pubbliche e Scienze e tecniche del turismo. Facilmente riconoscibili, in quanto vestiti con le magliette di Gusti di frontiera, i giovani sono stati preparati con lezioni dedicate alla sicurezza e avranno l’incarico di presidiare le otto porte di accesso all’area della festa, fornendo ai visitatori tutte le informazioni necessarie a orientarsi tra i Borghi. Sempre il Punto giovani ha preparato con l’aiuto dei propri tirocinanti gli opuscoli “Dove si mangia cosa” e “Dove si beve cosa”, una guida che sarà stampata in A3 e appesa alle porte di accesso e disponibile anche in versione per smartphone e tablet, oltre che scaricabile dal sito internet della kermesse, www.gustidifrontiera.it. Uno strumento utile per sapere quali sono le leccornie preparate dagli stand e dove si possono trovare, per non perdersi specialità e piatti tradizionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *